Illustrazione di una favola di Esopo

Oggi voglio dedicare questa storia di Esopo con relativa illustrazione (ovviamente realizzata da me con i miei nuovissimi colori ad olio della Royal Lagnickel) a tutti coloro che si sentono insicuri nei rapporti con altre persone, che siano fidanzati, amanti o amici.

P. S. È la prima volta che uso questa tecnica e…mi piace tantissimoooo!

P. P. S. Buona lettura!

Il topo e la ranocchia

Un dolcissimo topolino di campagna, col musetto simpatico e due occhioni scuri, vagando tutto solo per i campi, incontrò un bel giorno una buffa sgraziata ranocchia. Osservandosi al principio dubbiosi, i due fecero ben presto amicizia.

“Sai, mi piacerebbe sapere come ti procuri il cibo!” Chiese quella. ” Oh, bè,” borbottò il topolino con la testa bassa “non é che io sia un gran campione… anzi, faccio enorme fatica a trovare qualcosa da mettere sotto i denti” -” Ehi!” Gridò la rana “che ne diresti se andassimo insieme a caccia di cibarie? In due di sicuro avremmo più fortuna! Potremmo legarci con una catena l’un all’altro così da essere sicuri di non perderci! ” Il topolino rimase un istante a riflettere, quindi disse: ” Mi sembra una buona idea!” E così fecero.

” Ehi!” Gridò la rana “che ne diresti se andassimo insieme a caccia di cibarie? In due di sicuro avremmo più fortuna! Potremmo legarci con una catena l’un all’altro così da essere sicuri di non perderci! ” Il topolino rimase un istante a riflettere, quindi disse: ” Mi sembra una buona idea!” E così fecero.

Legati insieme i due si diedero da fare per cercare del cibo e bisogna dire che ne trovarono proprio tanto! Quando, alla fine della giornata furono veramente sazi, si in camminarono verso casa. Ancora incatenati, giunsero allo stagno della ranocchia e questa, senza pensarci due volte, si tuffò decisa nell’acqua trascinandosi dietro il povero topino che, non sapendo nuotare si mise a urlare e cominciò a dibattersi per non annegare.

Un nibbio, osservando dal cielo tutto quel trambusto e vedendo il povero topo ormai privo di sensi pensò di aver trovato un buon bocconcino. Si precipitò allora sullo stagno e afferrò con gli artigli il corpo del topino al quale era legata anche la ranocchia. Risvegliato dalle grida della rana, il topolino iniziò, coi suoi dentini aguzzi, a morsicare le zampe del volatile il quale aprì gli artigli per il male e li lasciò ricadere. I due toccarono il suolo senza farsi male ma decisero subito di togliersi quella catena che gli aveva procurato tanti guai!

Quando si decide di legarsi a qualcuno con un vincolo d ‘amore o di amicizia bisogna ricordare che ogni persona ha esigenze diverse dall’altra ed è necessario, per quanto possibile assecondare i desideri di entrambi i componenti la coppia.

Esopo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...